Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Johnson&Johnson, l'immunologa Viola: «Nessun trambusto. Nessun caso sugli over 60»

soNOStato martedì 02 marzo 2021 ore 09:30

Studentessa racconta l'epidemia Covid in Australia

Olivia abita a Brisbane dove ha vissuto la pandemia e ci racconta l'emergenza sanitaria che ha stravolto usi e consuetudini in tutto il mondo



BRISBANE — Una studentessa del Liceo Alberti Dante di Firenze ha intervistato una amica distante 14.000 chilometri che le ha raccontato la pandemia in Australia.

Olivia vuoi presentarti brevemente?

"Mi chiamo Olivia, ho 17 anni e vivo a Brisbane con i miei tre fratelli, mia madre e mio padre. Ho 12 anni e vado alla Brisbane State High School". 

Cosa stai studiando in questo momento? 

"Sto studiando le solite materie come inglese, matematica e scienze, ma ho anche scelto di concentrarmi sulle lingue. Al momento sto studiando francese e spagnolo. 

Hai pensato a cosa vuoi fare dopo il liceo? 

"Questa è una domanda complicata, Lily. Non ne ho idea, ma ho pensato di studiare lingue all'università. Un giorno potrei diventare un interprete, chissà..." 

Raccontami della situazione relativa al Covid-19 in Australia. Ha cambiato la tua vita?

"Sì, il coronavirus è arrivato in Australia, come tutti sappiamo, e anche nel Queensland. Ho sentito della terribile situazione in Italia, quindi penso che siamo fortunati ad aver avuto tanti piccoli casi, rispetto a quanto è successo in Europa in questi ultimi mesi. Penso che abbiamo già raggiunto 27.000.000 casi, in tutta l'Australia. Il governo ha bloccato Brisbane solo un paio di settimane fa, per tre giorni, a causa della variante britannica". 

Ci sono persone anziane nella tua famiglia, avete pensato a proteggerli?

"Sì, due dei miei nonni vivono in una casa di cura e all'inizio eravamo tutti molto preoccupati per loro, ma fortunatamente sono riusciti a controllare la situazione e non siamo stati in grado di vederli per un po'. Ma è stato meglio: saranno vaccinati presto, quindi non ci saranno problemi".

Sono felice di sentirlo! Stavo per chiederti della campagna di vaccinazione in Australia. 

"Inutile dire che ci sono state un paio di proteste no-vax qui a Brisbane, ma non solo: al telegiornale hanno anche riferito che ci sono state proteste a Melbourne e Sidney. Niente di grave, ma è inquietante quando si svolgono proteste come queste. Dicono che i primi a essere vaccinati saranno gli operatori sanitari in prima linea, gli ufficiali di polizia e gli operatori delle case di cura e residenti (anche i miei nonni!). Poi gli australiani sopra i 70 anni e gli aborigeni sopra i 50 anni. Spero fermamente che vaccinino insegnanti e studenti il prima possibile". 

Grazie per aver risposto alle domande

"Mi fa piacere Lily, grazie per la chat!"

L'intervista in lingua originale

Lily: Hi Olivia, nice to meet you! I’m going to ask you a couple of questions, if that’s fine with you.

Olivia: Yes, of course! Nice to meet you too, Lily. I’m looking forward to hearing your questions.

Lily: Great. So, would you like to present yourself briefly?

Olivia: Sure. My name is Olivia, I’m 17 years old and I live in Brisbane with my three brothers, my mum and dad. I’m in year 12, and I go to Brisbane State High school.

Lily: Nice. What are you studying at the moment?

Olivia: I am studying the usual subjects like English, Maths and Science, but I’ve also chosen to concentrate on languages. I’m studying French and Spanish at the moment.

Lily: How interesting! Have you thought about what you want to do after high school?

Olivia: That’s a tricky question, Lily. I’ve no idea, but I have thought about studying Languages at Uni. One day I might become an interpreter, who knows…

Lily: I myself don’t know what to do after high school, either, so I understand you! Now, I’m curious about the situation regarding Covid-19 in Australia. Has it affected your city, Olivia?

Olivia: Well, yes, the coronavirus has arrived in Australia, as we all know, and in Queensland too. I heard about the dreadful situation in Italy, so I think we’re lucky to have had so many little cases, compared to what has happened in Europe these last months. I think we’ve hit 27.000 thousand cases already, all over Australia. The government put Brisbane in lockdown just a couple of weeks ago, for three days, due to the British variant.

Lily: I understand. Are there any elderly people in your family? Has action been taken to protect them?

Olivia: Yes, two of my grandparents live in a nursing home and at first we were all very worried about them, but luckily, they managed to control the situation and we weren’t able to see them for a little while. But it was for the better: they’ll be vaccinated soon so there won’t be any problems.

Lily: I’m happy to hear that! I was actually about to ask you about the vaccination campaign in Australia.

Olivia: Needless to say that there have been a couple of no-vax protests here in Brisbane, but not only: on the news they also reported that there were protests in Melbourne and Sidney too. Nothing too serious, but it’s unsettling when protests like these take place. They say that the first to be vaccinated will be frontline health workers, police officers, and nursing home workers and residents (my grandparents too!) . Then Australians over the age of 70 and aborigines over 50. I firmly hope they’ll vaccinate teachers and students as soon as possible.

Lily: I hope that too Olivia! Thank you so much for answering my questions. I’ll be happy to answer any of your questions, If you have any for me!

Olivia: My pleasure Lily, thank you for the chat!

Lilian Rachel Vincenti, Classe 4A - Liceo Alberti Dante, Firenze

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno
Quinos
Operazione Finanziata dal POR-FESR Toscana 2014-2020
Por Creo