{*/literal}{$bannerGoogleTag[$company]["desktop"]["gtm"]}{literal*}
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
A Sanremo vince il rock dei Maneskin

wiredNOS lunedì 15 febbraio 2021 ore 21:04

A Siena un percorso didattico per conoscere il web

Un servizio di consulenza sui social media, rivolto ad adolescenti stranieri con il supporto di psicoterapeuti, educatori ed esperti di comunicazione



SIENA — Si chiama “Youngle” dalla somma delle parole inglesi Young (giovani) e Jungle (giungla), ed è un servizio pubblico di ascolto e counseling sui social media, rivolto ad adolescenti stranieri e gestito da altri adolescenti con il supporto di psicoterapeuti, educatori ed esperti di comunicazione. L’iniziativa arriva sui territori di Grosseto, Siena e Arezzo grazie al progetto “Samedi”, finanziato dal ministero dell’Interno con i fondi Fami e realizzato dal Coeso Società della Salute con l’Azienda Usl Toscana sud est e l’Università degli studi di Siena.

“Youngle” coinvolge gli studenti di cinque zone distretto delle tre province, dal Grossetano al Senese, passando per Arezzo e il Valdarno.

L’avvio del progetto a pochi giorni dalla Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, celebrata il 7 Febbraio scorso. Gli studenti delle scuole aderenti potranno entrare a fare parte del network nazionale “Youngle”, attualmente presente in 10 regioni italiane con 13 centri. I peer educator di Youngle, una volta formati, sono online per due o tre giorni alla settimana per due ore, per rispondere alle chat e ascoltare i coetanei su argomenti come la scuola, le relazioni, le emozioni. E proprio nelle classi che hanno aderito al progetto si trovano i futuri peer educator.

“Si tratta di un progetto che assume ancora più importanza in questo momento di emergenza sanitaria - ha spiegato Luca Pianigiani, psicologo dell’Azienda Usl Toscana sud est e coordinatore del progetto - in cui le potenzialità della rete sono sfruttate per gli usi più disparati: dalla didattica al telelavoro, passando per le attività del tempo libero. È necessario quindi dare sempre più strumenti ai giovani per muoversi in questo universo, senza incorrere nei rischi che sul web si possono incontrare”.

Gli studenti saranno invitati a partecipare a una social challenge i cui scopi sono presentati in un incontro online su Discord e gli istituti coinvolti nelle prossime settimane saranno il Sarrocchi di Siena, il Roncalli di Poggibonsi, il liceo “Giovanni da San Giovanni” e l’Isis di San Giovanni Valdarno. Obiettivo della “antivirus social challenge” è combattere tutti gli atteggiamenti negativi che nascono dentro di noi e infestano la rete per “contagiarla”, invece con messaggi buoni e di inclusione.

Dopo l’incontro di classe gli studenti saranno invitati a lavorare a piccoli gruppi e quelli più motivati e interessati potranno partecipare alla formazione specifica per diventare peer educator della rete “Youngle”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno