Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
domenica 16 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

terraNOStra giovedì 22 aprile 2021 ore 08:03

L'Isis Foresi nel ricordo di Passannante

Passannante e la Torre del Martello

Al "Foresi" con l'artista Ulderico Pesce nel ricordo di Passannante, colui che attentò alla vita del re e che fu incarcerato nella Torre del Martello



PORTOFERRAIO — Il progetto del “Foresi”, nell'ambito dei percorsi di educazione civica, si concluderà con l'evento “Ecce Homo: Giovanni Passannante”, in programma il prossimo 14 Maggio. Una proposta, come spiegano dall'Istituto superiore elbano, condivisa dal Comune e da altre realtà del territorio, i cui dettagli verranno comunicati prossimamente.

Insomma, un formidabile impulso è arrivato dalla scuola, attenta al territorio e alla sua storia, per la riscoperta dell'uomo che ha trascorso dieci anni di carcerazione nella Torre del Martello alla Linguella, che per questo è anche conosciuta come Torre Passannante. Dieci anni durissimi, in una cella bassa, stretta e collocata sotto il livello del mare, per aver attentato, senza riuscirci, alla vita di re Umberto I di Savoia nel 1878.

Una storia che non può essere racchiusa in poche righe e di cui gli studenti hanno parlato nell'incontro a distanza (webinar) con il professore e artista lucano Ulderico Pesce

"Un bell'incontro - commentano dall'Isia Foresi - caratterizzato dalla curiosità intellettuale dei liceali delle scienze umane e dal loro coinvolgimento anche emotivo. Pesce, che ha recitato nel film sull'anarchico Passannante (2011), ha raccontato della scoperta di questo personaggio (diciannovenne, al museo criminologico di Roma, dove è conservatala teca con il suo cranio sotto formalina) e dell'impegno per riportarlo nella sua terra, a Salvia che, a seguito dell'attentato, ha assunto il nome di Savoia di Lucania, tuttora vigente. Rispondendo alla domanda di una studentessa, l'artista ha detto che il suo impegno è motivato anche dal desiderio di stimolare nei giovani la passione e l'interesse, per un loro protagonismo nei diversi campi. Ha raccontato poi delle emozioni provate quando visitò la Torre della Linguella, un’esperienza che gli è entrata nel cuore oltre che nel cervello e ha concluso che “quando un concetto è recepito con il cuore, ti resta dentro e non lo dimentichi più; si diventa produttori culturali e non semplici ripetitori culturali”".

In questi giorni, studenti e docenti lavoreranno per offrire al territorio una serie di attività che consentiranno di interrogarsi sulla vicenda storica e sui suoi significati per il presente.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno
Quinos
Operazione Finanziata dal POR-FESR Toscana 2014-2020
Por Creo