Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

hanNOScritto giovedì 11 marzo 2021 ore 09:32

Piccole librerie online al tempo del Covid

Le piccole librerie hanno sofferto la concorrenza dei giganti dell'e-commerce ma c'è chi ha cercato una strada nuova per arrivare ai lettori



FIRENZE — L’arrivo della pandemia di Covid-19 ha reso tutto più complicato, in ogni ambito. Tutte quelle piccole e grandi tessere che insieme rappresentavano il puzzle della nostra quotidianità, nel giro di poco tempo sono state divise, separate, spezzate, rotte.

Ma c’è pure chi ha lavorato per riaggiustarle, ed è giusto rendergli merito.

Leonardo Taiuti è il fondatore di Bookdealer, la prima piattaforma online d’Italia a sostenere attivamente le librerie indipendenti. “Il principale indiziato” — così si presenta nella pagina “chi siamo” di Bookdealer — è giovane, ha soltanto 35 anni. E giovani sono anche Daniele, Massimiliano, Mattia e Livia, i suoi amici-soci. Quando Amazon fu lanciato in Italia (era il 2010), probabilmente nessuno di loro aveva ancora finito l’università. Eppure, è in loro, in questi cinque giovani adulti, che si è radicata la convinzione che si può fare qualcosa di concreto per resistere ai giganti dell’e-commerce. Ed è sempre in loro che questa convinzione ha incontrato la competenza, è chiaro.

Bookdealer, online già dallo scorso Agosto, funziona in modo semplice. Entrati sul sito, è possibile seguire diversi approcci: si può prima cercare il libro che ci interessa, e dopo scegliere la libreria dal quale vogliamo acquistarlo; oppure si può prima selezionare una delle librerie della nostra città, e quindi consultare il catalogo dei libri che il rivenditore consiglia.

Una volta scelto il libro e la libreria (o la libreria e il libro), si può decidere se farsi consegnare l’articolo a domicilio, andare a ritirarlo in negozio, o farselo spedire tramite corriere. La somma spesa per il libro andrà tutta alla libreria e Bookdealer guadagnerà una piccola quota nel caso in cui si decida di ricevere l’articolo direttamente a casa.

Per noi utenti, la differenza tra Bookdealer e qualsiasi altro e-commerce è minima: nella maggior parte dei casi, tra un libro acquistato presso una libreria indipendente e un libro acquistato su Amazon ci sono pochi centesimi di scarto. Eppure, per un piccolo rivenditore messo in ginocchio dalla crisi economica, la differenza c’è. Ed è grande.

Tommaso Becchi, 4C, Liceo Michelangiolo, Firenze

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno
Quinos
Operazione Finanziata dal POR-FESR Toscana 2014-2020
Por Creo