QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
giovedì 06 agosto 2020
corriere tv
Conte, Fico e i ministri suonano le percussioni in piazza Montecitorio

NOSnews martedì 14 luglio 2020 ore 10:59

Tre Atenei toscani premiati dall'Europa

Gli Atenei selezionati sono 165 di cui 12 italiani, fra cui tre toscani: Firenze, la Scuola Normale Superiore e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa



BRUXELLES — L'Università Europea per il benessere, di cui l’Università di Firenze fa parte insieme ad altri sei atenei europei, è tra le reti universitarie selezionate dalla seconda call "European Universities" della Commissione Europea. Ognuno dei 24 consorzi selezionati, su 62 proposte, otterrà finanziamenti fino a 5 milioni di euro dal programma Erasmus+ e fino a 2 milioni di euro dal programma Horizon 2020, per tre anni, per costituire le "Università europee" del futuro, reti di atenei che condivideranno programmi di studio e ricerca, sfruttando al massimo le sinergie possibili. Gli Atenei complessivamente selezionati sono 165 di cui 12 italiani, fra cui tre toscani: Firenze, la Scuola Normale Superiore e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che afferiscono ad una diversa rete universitaria. Gli atenei toscani hanno ricevuto un sostegno dalla Regione, Firenze anche dal Comune.

Dell'Università Europea per il benessere fanno parte le università di Birmingham (Inghilterra), Colonia (Germania), Leiden (Olanda), Linnaeus (Svezia), Nantes (Francia) e Semmelweis (Ungheria), per un totale di 244.000 studenti, 36.500 membri del personale e 102 partner dal mondo delle istituzioni e delle imprese, provenienti dai sette paesi europei sedi delle università.

Grazie ai finanziamenti europei sarà possibile accelerare e intensificare la collaborazione delle università partner nelle principali aree di intervento individuate: la salute, il benessere individuale e sociale, l'ambiente e la qualità della vita, la promozione dell’identità europea, la formazione degli insegnanti e la promozione dell’attrattività degli istituti universitari europei.

“Le sfide che la pandemia di Covid-19 ha posto al benessere rendono la mission di EUniWell molto più impellente - ha commentato il prorettore dell’Ateneo alle relazioni internazionali Giorgia Giovannetti -. Il Coronavirus richiede infatti di re-immaginare il benessere da molteplici punti di vista, affrontando le nuove sfide che il mondo, globalizzato e connesso, ci sta ponendo. Unendo i punti di forza, le diverse e complementari competenze e la vasta esperienza delle università partner, la rete di esperti di EUniWell sta già lavorando alla ricerca di soluzioni tangibili”.

Tag
 
Programmazione Cinema