QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
martedì 26 maggio 2020
corriere tv
Le Frecce sorvolano piazza Duomo a Milano, l'abbraccio tricolore sopra la città

hanNOScritto domenica 05 febbraio 2017 ore 22:22

Roberto Saviano: Super Santos

​Un piccolo grande libro.



PONTEDERA — Può un libro di solo 35 pagine far riflettere? Super Santos, scritto da Roberto Saviano ed edito per la prima volta nel 2005, ci riesce. Ci catapulta nel mondo dei bambini in una città dove l’innocenza non è ammessa. Saviano attraverso gli occhi di quattro ragazzini ci narra cosa vuol dire crescere nella Napoli delle paranze, dello spaccio e della camorra sognando di diventare quello che tutti i ragazzini vorrebbero essere: un calciatore. Sogno che lentamente viene trasformato, deviato e distorto da uomini senza scrupoli che fanno cadere inconsciamente i bambini in una rete dalla quale non si può uscire. Il lettore si sente trasportato, grazie alla bravura dello scrittore, tra le strade di Napoli, tra quei ragazzini che giocano a pallone su strade polverose e, insieme a quei quattro ragazzi, cade senza scampo anche lui nella trappola della camorra facendoci capire che, forse, in certi ambienti non c’è la scelta tra il bene ed il male, ma un'unica, inevitabile triste strada. Super Santos ci apre le porte di un mondo diverso dal nostro quotidiano, un mondo surreale, un mondo in cui ingiustizia e illegalità affliggono ogni suo abitante, dal bambino all’anziano. Un mondo che ci svela i temi della camorra e della legalità che sono purtroppo sempre molto attuali e degni di attenzione. In conclusione Super Santos può essere letto da tutti coloro che vogliono provare i sensi di un’amara bellezza in un breve racconto. Una short story che è anche un grido, come quello che echeggia nell’ultima scena, un grido che è un urlo: giustizia!

Giulio Altese 

4 B - Istituto XXV Aprile - Liceo Classico

Tag
 
Programmazione Cinema