QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
martedì 26 maggio 2020
corriere tv
Le Frecce sorvolano piazza Duomo a Milano, l'abbraccio tricolore sopra la città

hanNOScritto sabato 18 febbraio 2017 ore 00:25

Notti bianche

​“Romanzo sentimentale (dalle memorie di un sognatore)”



PONTEDERA — “Era una notte meravigliosa, una di quelle notti che forse esistono soltanto quando si è giovani, mio caro lettore”. Esordisce così il noto se pur breve romanzo di Fëdor Dostoevskij, pubblicato nel 1848. L’opera viene concepita dalla mente fresca e speranzosa dello scrittore, una mente sognatrice e bramosa di sentimenti. Pietroburgo fa da sfondo alla vicenda di questo giovane uomo, un autentico idealista, vagante senza meta. Nel suo trascinarsi da una strada all’altra comincia a familiarizzare con gli abitudinari abitanti della città. E’ però una familiarizzazione monodirezionale: il protagonista non ha amici, non scambia parola con nessuno. Lui è un osservatore attento che, memorizzando gesti e consuetudini, arriva a prendere confidenza con persone sconosciute. Ciò sembrava destinato a non aver soluzione di continuità finchè una sera, tornando a casa, si imbatte in “una fanciulla certamente bruna”. Da questo punto in poi, il romanzo spicca il volo. I dialoghi fra i due infiammano le pagine di un amore combattuto e nient’affatto banale, trascinando il lettore in una miriade di mondi diversi. La nota capacità introspettiva di Dostoevskij sviscera i processi mentali dei protagonisti come se lui fosse un chirurgo e non manca di dar sfogo alle sue tematiche tipiche. La storia è giovanile, come l’incipit suggerisce, ma parla di un modo di vivere ormai sorpassato, al quale, probabilmente, la maggioranza dei ragazzi oggi riderebbe sfortunatamente in faccia. Magari però, un giorno, ci ritroveremo nei panni del protagonista, riflettendo su “un intero minuto di beatitudine! È forse poco, in una intera vita umana?”.La lettura di quest’opera non è solo consigliata, è obbligatoria!

(Il ritratto dell'autore è di Lorenzo Pacifico)

Lorenzo Pacifico

5AE ITIS G.Marconi - Pontedera

Tag
 
Programmazione Cinema