QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
mercoledì 03 giugno 2020
corriere tv
Coronavirus, Zangrillo: «Una seconda ondata? Non ha senso parlarne, è come dire a Milano a dicembre nevica»

NOSpettacoli giovedì 30 aprile 2020 ore 23:15

I 400 colpi

​IL CINEMA E IL VALORE DELLA RIBELLIONE



FIRENZE — Siamo tutti seduti nei giardinetti di piazza D’Azeglio. Discutiamo animatamente di clima, del suo progressivo cambiamento, di ciò che abbiamo fatto e di ciò che dovremo fare per poter combattere la battaglia più importante del nostro tempo. Qualcuno si alza e inizia a distribuire dei volantini. Ne ricevo uno; focalizzo prima l’attenzione sul titolo: “SCHOOLSTRIKE” scritto a caratteri cubitali. “Blocca la scuola per il clima!” dice il sottotitolo. Ma c’è anche una grafica sullo sfondo, come in filigrana. Guardo bene e riconosco Antoine Doinel (il personaggio cinematografico inventato dal regista francese François Truffaut e interpretato da Jean-Pierre Léaud) nell’atto di alzarsi dal banco di scuola, il protagonista di quel capolavoro senza tempo che è: “I 400 colpi”. Rimango sbalordito, non solo perché è uno dei miei film preferiti in assoluto e con cui ho un legame speciale, ma anche per il ruolo che tale fotogramma (e in generale tutta la pellicola) può ricoprire in quel determinato ambito.

Pensando e parlando di surriscaldamento globale non mi era mai venuta in mente un’opera che, a conti fatti, ha niente a che fare con la delicata tematica. I 400 colpi, uscito nel 1959, racconta la storia di Antoine, un agitato ragazzo di 12 anni che, non seguito particolarmente dai suoi umili genitori, ne combina di tutte e di più (il titolo italiano è tradotto “un po’ troppo” letteralmente dal francese che deriva dal detto faire les quatre cents coups, corrispondente al nostro “fare il diavolo a quattro”). Il ragazzo, alter ego del regista, non è in grado in nessun modo di rispettare le regole e gli obblighi che gli vengono imposti. Nel film assistiamo infatti continuativamente ai suoi gesti di disobbedienza, per poi giungere nel finale all’emblema di questo concetto in una delle scene più straordinarie e potenti della settima arte.

Sebbene la pellicola, anche per ovvie ragioni relative alla datazione, non tratti in nessun modo della questione ambientale, si carica tuttavia di un importantissimo e dirompente significato che trascende il problema in sé per sé e allarga gli orizzonti all’odierna impellente necessità di ribellarsi.

Risulta interessantissimo, di conseguenza, il fatto che la divisione fiorentina di Fridays For Future – il movimento mondiale lanciato da Greta Thunberg per la lotta al cambiamento climatico – abbia deciso di usare come esempio, in particolare nel caso della sottrazione agli obblighi scolastici di cui Antoine è un po’ un simbolo, il film di Truffaut.

In un tempo in cui la sopravvivenza del pianeta e delle strutture democratiche di base è messa a rischio da un sistema che non può più garantire il sostentamento del genere umano, in un’ottica progressista ed egualitaria, è necessario più che mai opporsi e lottare per il mondo che desideriamo. Come Antoine, che per tutto il film insegue il suo sogno più grande, vedere il mare, provocando tutti quelli che si interpongono e scappando ripetutamente, anche noi siamo chiamati in causa per rincorrere un’idea. E nonostante lo stato attuale delle cose, che ci induce senza sosta a sprofondare in un assoluto pessimismo cosmico, resta il nostro dovere di non smettere mai di aver fede proprio in quell’idea.

Tutte le nostre azioni che siano diverse dall’agire e affini all’indifferenza, che è una delle peggiori piaghe che tendono a contraddistinguerci, contribuiranno in modo esponenziale al fallimento dell’obiettivo. Ed è fondamentale ricordare, per non scadere in assurde argomentazioni, che per indifferenza non s’intende comprare la bottiglietta di plastica o andare a scuola in motorino, bensì restare impassibili di fronte ai grandi gesti che ogni giorno minacciano il futuro. Vogliamo continuare a respirare l’aria naturale oppure quella di un depuratore? Preferiamo un’area desertica e sabbiosa o un’area ricca di vegetazione? Vogliamo metterci nella condizione di aspettare cataclismi d’ogni tipo o ci “contentiamo” delle nostre quattro stagioni e del bel tempo? Penso che tutti concordiamo nella risposta. Dimenticare queste nostre scelte sarebbe un atto irresponsabile non solo verso la Terra, ma soprattutto verso noi stessi.

Ancora una volta quell’arte che con l’immagine ha segnato un secolo e che tuttora ci stupisce in forme sempre diverse, che ha innescato dei moti, che ci diverte, che ci fa riflettere e vivere altre realtà, torna a ricordarci ciò di cui abbiamo disperatamente bisogno. E non importa se ci dividono sessant’anni dai 400 colpi di François Truffaut: la ribellione è un valore senza tempo da portare con noi. Sempre.

(Da: Michepost, giornalino scolastico)

Luca Parisi, Classe 4C, Liceo Classico Michelangiolo, Firenze

Tag
 
Programmazione Cinema