Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Migranti, Draghi: «Più coinvolgimento dei Paesi europei, i flussi legali sono una risorsa, non una minaccia»

Il bosco didattico prende vita

La scuola Dante Alighieri di Pontedera protagonista di un progetto di Unicoop Firenze dedicato ad ambiente, cultura e solidarietà



PONTEDERA — La scuola primaria Dante Alighieri ha festeggiato i primi passi del bosco didattico che verrà realizzato da Unicoop Firenze nell’ambito delle proposte educative 2021/2022. L'obiettivo è trasformare l’area verde intorno alla scuola in un laboratorio di biodiversità. Ieri l’avvio del percorso che vedrà interagire i bambini della scuola con il bosco, nell’ottica di farli accompagnare nella crescita e nelle attività didattiche e ricreative da un nuovo “compagno di giochi”. 

Chiamato anche foresta giardino, il Bosco didattico è una coltivazione multifunzione in cui trovano collocazione alberi di prima grandezza, piante da frutto, erbe medicinali, ortaggi e tanto altro, in sinergia con le piante spontanee e gli animali. Gli alberi da frutto sono al piano superiore, mentre al di sotto ci sono arbusti di bacche commestibili, piante perenni e annuali. Insieme creano relazioni per formare un ecosistema in grado di ottenere elevate produzioni di cibo con meno manutenzione. II modello è composto da un modulo di 25 mq di 5 m x 5 m, da localizzare in base alle presenze arboree e arbustive.

Le specie individuate per la piantagione del bosco comprendono il tiglio, che garantisce in autunno – inverno una pacciamatura naturale con le sue foglie che degradandosi apportano azoto al terreno e diversi arbusti da bacca senza spine negli anni permetteranno la creazione di passaggi, cunicoli, percorsi in cui i bambini si immergeranno letteralmente nella foresta, oltre ad altre piante come melograno, corbezzolo, nocciolo, sambuco, ma anche mirto, rosa canina, alloro, timo serpillo, santoreggia e ginepro.

All’iniziativa erano presenti i bambini e le insegnanti della scuola primaria Aligheri, Liviana Canovai, presidente sezione soci Valdera, Tommaso Perrulli, responsabile proposte educative Unicoop Firenze, Mattia Belli e Francesco Mori, assessori del Comune di Pontedera all'ambiente e alle politiche educative.

“Inizia in questi giorni la piantagione di alcuni boschi didattici che la Cooperativa, in collaborazione con le sezioni soci sul territorio, vuole realizzare nei prossimi mesi. I progetti dei boschi didattici hanno un valore in più perché sono un esempio di coprogettazione con le pubbliche amministrazioni e le scuole, che mettono al centro la valorizzazione degli spazi all'aperto riscoperta durante il periodo della pandemia” ha spiegato Tommaso Perrulli, responsabile proposte educative di Unicoop Firenze.

“Il progetto educativo del bosco didattico alla scuola Alighieri rappresenta una occasione importante per i ragazzi, che così possono toccare con mano le tematiche ambientali, in un momento in cui la crisi climatica è la vera emergenza. Siamo felici di accompagnare gli alunni in questo percorso che comincia stamattina con la messa a dimora delle piante e che continuerà nei prossimi mesi, ma che ci ha già visto lavorare nelle scorse settimane con le insegnanti e il Comune per arrivare a questo momento. Da domani il bosco sarà parte integrante della vita scolastica dei bambini” ha affermato Liviana Canovai, presidente sezione soci Coop Valdera.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno
Quinos
Operazione Finanziata dal POR-FESR Toscana 2014-2020
Por Creo