Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
domenica 16 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

terraNOStra martedì 20 aprile 2021 ore 15:03

Alla scoperta di una ghiacciaia del Brunelleschi

La costruzione in tempo di pace è stata utilizzata per conservare i viveri, dato che quel luogo era davvero molto freddo in tutte le stagioni



PISA — All’interno delle Mura di Pisa, di fronte allo slargo noto come “Largo del Parlascio” in cui si trovano i resti archeologici delle cosiddette “Terme di Nerone", c'è un Bastione il cui progetto si attribuisce a Filippo Brunelleschi. 

Sopra le antiche mura romane (un occhio attento riesce a distinguerle da quelle edificate in epoche successive vedendo, vicino alla base, delle pietre di diversa natura e colorazione) durante la signoria di Cosimo il Vecchio de' Medici furono edificate le nuove fortificazioni (usando le pietre delle cave di San Giuliano Terme) e queste, nell’area dell’odierna Porta a Lucca, comprendevano la costruzione del Bastione.

Il bastione verrà chiamato del Parlascio (che per per i Germani significava luogo di combattimento degli orsi) perché così si chiamava la porta, edificata sin dal 1157. È una porta monumentale che tuttora mantiene delle decorazioni sulle mensole che sostengono il grande arco. Brunelleschi nel 1435 realizzò una controporta interna e lo stesso Bastione, ma questi suoi interventi oggi purtroppo non esistono più.

L'intera costruzione fu, in tempo di pace, utilizzata per conservare i viveri, dato che quel luogo era davvero molto freddo in tutte le stagioni e quando prese così a essere denominato “ghiacciaia”.

Durante l'inverno, la neve veniva introdotta attraverso una apertura e subito ammassata, in modo che si trasformasse in ghiaccio con l’aggiunta di acqua. Si realizzavano così dei blocchi di ghiaccio che gli interessati venivano a comparare e portavano nelle case private di famiglie ricche o nelle trattorie che avevano delle piccole ghiacciaie per la conservazione dei cibi. Mantenne questa fruizione fino alla seconda guerra mondiale, quando fu convertita in rifugio antiaereo.

Curiosamente un distributore di benzina situato fuori Porta A Lucca, a pochi metri dalle mura, presenta all’esterno, come attrattiva per i clienti, una macchina del ghiaccio! Ma i gestori, intervistati, non ci hanno saputo dire niente di più sull’antica ghiacciaia, che pure si trova a due passi da loro!

Marco Gianni 3B, 

Liceo Carducci, Pisa

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno
Quinos
Operazione Finanziata dal POR-FESR Toscana 2014-2020
Por Creo