Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
sabato 16 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'usura al tempo del Covid: così le mafie stanno soffocando l'economia | Roberto Saviano

wiredNOS domenica 10 gennaio 2021 ore 17:35

Esperimento scolastico per motivare gli studenti

Una scuola di Pelago ha deciso di sperimentare un nuovo modello di apprendimento basato sulla rotazione degli spazi scolastici da parte degli studenti



PELAGO — Il Comune di Pelago in Toscana ha sposato un nuovo modello didattico che si basa su alcuni elementi fisici quali la rotazione delle aule, spazi condivisi e privati per motivare gli studenti nell'apprendimento.

Lidia Cangemi, dirigente scolastica del Liceo Scientifico Kennedy di Roma, ideatrice del modello DADA, Elena Pierucci, Dirigente Istituto Comprensivo di Pelago e Giacomo Bracaglia, assessore all’Istruzione del Comune di Pelago si sono incontrati nella scuola secondaria di primo grado Lorenzo Ghiberti che ha attivato il progetto metodologico legato alla Rete di scuole Didattiche per ambienti di apprendimento "L’attuazione della metodologia prevede la creazione di ambienti di apprendimento attivi dove gli studenti diventano sempre di più soggetti positivi della propria formazione. Ogni disciplina avrà il suo spazio allestito e motivante. Gli alunni si muoveranno nei diversi ambienti di apprendimento, avranno a disposizione un loro armadietto privato, per depositare libri o device. Tale approccio, dinamico e fluido, considera gli spostamenti degli studenti buona occasione per l’ottimizzazione dei tempi morti, nei cambi d’ora".

L’amministrazione di Pelago ha deciso di accompagnare la scuola nella sua azione di rinnovamento rivisitando gli spazi e contribuendo all’allestimento delle aule laboratorio. Dopo l’acquisto dei primi 150 armadietti, sono previsti altri 30.000 euro di investimenti per l’adeguamento degli spazi e la creazione di 3 nuove aule all’aperto "Ogni spostamento al cambio dell’ora avviene in autonomia: gli studenti raggiungono l’aula in pochi minuti e da soli aumentandone la loro autonomia. Il continuo cambio di spazi di apprendimento è uno stimolo energizzante per la capacità di concentrazione come testimoniato da accreditati studi neuroscientifici. Gli studenti si creano spazi sociali comuni, anche se molto brevi, e questa “serendipity” diminuisce i livelli di ansia e di stress e sviluppa il loro senso di responsabilità".

Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno