Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
domenica 20 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tutti condannati per l'omicidio di Desirée

terraNOStra martedì 11 maggio 2021 ore 10:44

Studenti a scuola in bicicletta al tempo del Covid

Lo sviluppo della rete ciclabile metropolitana è stato oggetto di un progetto scolastico coordinato dalla Metrocittà, Regione Toscana, Arpat e Fiab



FIRENZE — Il Liceo Pascoli di Firenze è stato coinvolto in un progetto scolastico coordinato dal Laboratorio didattico ambientale della Città metropolitana di Firenze con la partecipazione di Regione Toscana, Arpat e Fiab-Firenze ciclabile.

A raccontarlo sono state Maddalena Bavazzano, Eva Bonini, Francesca Chiostri, in collaborazione con Irene L'Abate del Laboratorio Didattico Ambientale della Città metropolitana di Firenze.

Il progetto Comunità Scolastiche Sostenibili, è andato avanti nonostante la pandemia, in 6 istituti superiori di Firenze e Empoli, con lo scopo di far riflettere sull’impatto ambientale ed il Liceo Pascoli di Firenze ha approfondito il tema della mobilità sostenibile, in particolare ciclabile.

Il progetto, promosso e condotto dal Laboratorio ambientale, in collaborazione con la Regione Toscana, settore comunicazione di Arpat e Fiab-Firenze Ciclabile, ha coinvolto circa 80 studenti, tutor ambientali delle classi, dalla I alla V, ed il corpo insegnante. Arpat ha svolto alcune lezioni sullo studio e l'analisi dei dati sull'inquinamento ambientale, sui sistemi di rilevazione sulle tipologie di inquinanti dispersi nell'ambiente.

"Fiab-Firenze Ciclabile ha illustrato il progetto della bicipolitana che collega le piste ciclabili esistenti individuando le direttrici portanti che uniscono i maggiori centri d’interesse e realizzano linee di trasferimento veloce per facilitare lo spostamento dei ciclisti. Sono state illustrate le otto linee ciclabili che prevedono collegamenti in continuità anche con i comuni confinanti e permettono lo spostamento da un punto all’altro della città per raggiungere le scuole cittadine. La conoscenza del progetto ha portato a far riflettere gli studenti, che si sono resi conto come sarebbe possibile utilizzare la bici in sicurezza per andare a scuola".

I tutor ambientali, con il supporto del Settore trasporto pubblico della Regione Toscana, hanno proposto a tutta la comunità scolastica del Liceo un questionario sull’utilizzo della bicicletta nel percorso casa-scuola al quale ha risposto più della metà della comunità.

I risultati hanno messo in luce che:

"Una percentuale molto alta di studenti che abitano ad una distanza camminabile dalla scuola scelgono di spostarsi principalmente a piedi utilizzando in modo residuale lo scooter, l’auto o i mezzi pubblici, ma pochissimo la bicicletta; emerge inoltre che la bicicletta viene scelta perché considerata un mezzo salutare, economico, divertente e veloce mentre i motivi prevalenti per il non utilizzo sono la pericolosità dei percorsi urbani, la mancanza di piste ciclabili, la paura del furto, la mancanza di parcheggi".

Il progetto si concluderà con un evento finale, ad inizio Giugno presso il Parco mediceo di Pratolino, durante il quale gli alunni di ciascuna scuola coinvolgeranno gli altri in laboratori e attività di sensibilizzazione rispetto ai temi trattati.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno
Quinos
Operazione Finanziata dal POR-FESR Toscana 2014-2020
Por Creo