QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
mercoledì 24 ottobre 2018

fanNOScuola lunedì 18 dicembre 2017 ore 08:40

​Sicurezza e Prevenzione

Gli studenti delle superiori crescono e guidano gli studenti delle medie inferiori



BIENTINA (PISA) — Sabato 16 Dicembre nell’I.C. Iqbal Masih di Bientina e Buti si è conclusa la prima fase del progetto Peer Safety Education (PSE), promosso dall’Istituto Italiano per la Sicurezza. Il progetto, avviato lo scorso 23 Novembre in occasione della Giornata Nazionale della Sicurezza nelle Scuole, si propone di diffondere la cultura della sicurezza e di accrescere la consapevolezza del rischio.

«Il progetto presentato dall’Istituto Italiano per la Sicurezza - ha affermato la DS Sandra Fornai, commentando con soddisfazione l’accordo dell’I.C. Iqbal Masih di Bientina con l’Istituto - ci è apparso molto interessante in quanto consente di trasferire in maniera esponenziale e auto sostenibile la cultura della sicurezza nelle scuole e permette ai nostri Safety Tutor Junior di sviluppare delle competenze trasversali (soft skills) utili ad affrontare le sfide della vita quotidiana. L’obiettivo dell’I.C. Iqbal Masih è di tras-formare circa 130 studenti in Safety Tutor Junior».

In una prima fase gli studenti di seconda media sono seguiti dagli specialisti dell’Istituto Italiano per la Sicurezza, che impartiscono in aula le nozioni base relative ai temi di salute e sicurezza. Successivamente gli studenti si recheranno a Pisa, presso l’IIS Da Vinci – Fascetti, il Liceo Artistico Russoli e l’Istituto Alberghiero Matteotti, per effettuare, in un evento finale, la seconda fase di formazione, curata dagli studenti delle scuole superiori che negli anni scorsi hanno ottenuto la certificazione di Safety Tutor dall’Istituto Italiano per la Sicurezza.

“Pur essendo il progetto molto giovane (è nato nel 2015 in alcuni istituti superiori di Pisa) ci ha detto il Presidente dell’Istituto Francesco Meduri, ha sin qui coinvolto ben 10.000 giovani tras-formando 200 studenti in Safety Tutor, idonei a trasmettere, in un processo di peer education con studenti più giovani, le nozioni sulle tematiche di salute e sicurezza” (http://www.istitutoitalianosicurezza.it).

Interrogato sulle finalità dell’Istituto l’ingegner Meduri ha dichiarato che anche attraverso i giovani studenti delle medie, divenuti a loro volta Safety Tutor Junior, si vuole diffondere la cultura della sicurezza sia tra i bambini più piccoli, sia nelle famiglie, “al fine di contribuire alla riduzione degli incidenti sul lavoro e nella vita quotidiana che annualmente generano migliaia di vittime. Per questo il progetto è aperto ad altre province di tutto il territorio nazionale”. 

A cura della redazione di quinos.