QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
lunedì 20 gennaio 2020

fattiNOStri lunedì 13 gennaio 2020 ore 08:30

La Notte Nazionale del Liceo Classico "Foresi"

Fra i 436 licei classici italiani ci sarà anche il "Foresi" di Portoferraio ad aprire le porte per la Notte Nazionale del Liceo Classico.



PORTOFERRAIO — L'evento è fissato, presso la sede del Grigolo, per venerdì 17 gennaio 2020, dalle ore 18:00 alle ore 24:00, è ha come titolo "Amore e conoscenza".

La Notte nazionale del liceo classico, uno degli eventi più innovativi nella scuola degli

ultimi anni, è giunto alla sesta edizione. E' più che una festa: è un modo alternativo ed innovativo di fare scuola e di veicolare i contenuti, un puntare su una formazione di natura diversa che non va a sostituire quella tradizionale, ma le si affianca in maniera produttiva e proficua.

"L'idea della Notte – spiegano i promotori - è nata per dimostrare in maniera evidente che il curricolo del classico è ancora pieno di vitalità ed è popolato da studenti motivati, ricchi di grandi talenti e con abilità e competenze che oltrepassano di gran lunga quelle richieste a scuola. Non a caso, assistiamo ad un'inversione di tendenza nelle iscrizioni al liceo classico che ormai da qualche anno hanno ripreso a salire a livello nazionale e anche elbano".

Chi parteciperà alla Notte nel suggestivo scenario del Grigolo, troverà docenti e alunni coinvolti in un impegnativo programma, che si svolgerà in quattro spazi appositamente allestiti: l'aula magna, la palestra, l'aula "Poesia" e l'aula "Omero". Sarà possibile assistere ad un viaggio dantesco all'Inferno, ad un incontro con l'autore (Angelo Airò Farulla), a "tableaux vivants", a drammatizzazione di poesie, a recitazione teatralee sketch, a musica e performances artistiche. Previsto anche il buffet allietato dalle note del celebre Sirtaki.

"All'appuntamento – concludono i docenti - gli alunni si sono preparati con grande impegno e divertimento, perché la cultura vuol dire gioia, piacere di condivisione, rispetto dei tempi e delle parti. Un modo per richiamare le nostre radici, fra cui quelle della civiltà greco-romana".

Pif a Bologna con le sardine: «Mi riconosco in loro, li appoggio»