QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
sabato 25 novembre 2017

NOSpettacoli domenica 07 maggio 2017 ore 00:04

​Perfetti Sconosciuti

Cosa nascondono le persone che ci stanno più a cuore?

PONTEDERA —  “Perfetti sconosciuti” è un film del 2016 diretto da Paolo Genovese in cui recitano Giuseppe Battiston, Anna Foglietta, Edoardo Leo, Marco Giallini, Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher e Kasia Smutniak. Il film  è una commedia/dramma che dimostra come le bugie hanno le gambe corte e come anche solo un semplice gioco può svelare tante realtà nascoste. Eva e Rocco invitano a cena a casa loro gli amici di sempre: Cosimo e Bianca, Lele e Carlotta, e Peppe. I padroni di casa sono ormai da tempo in crisi e a ciò contribuisce anche il rapporto conflittuale con la figlia adolescente Sofia; Cosimo e Bianca, invece, sono da poco sposati, Lele e Carlotta hanno anche loro i propri problemi, mentre Peppe, dopo il divorzio, non riesce a trovare né un lavoro né una compagna. Durante la cena, in una discussione su una coppia di amici, separatisi a causa di messaggi sul cellulare, Eva propone a tutti di fare un gioco: mettere sul tavolo il proprio cellulare e rivelare ai presenti il contenuto di tutte le chat che avrebbero ricevuto durante la serata. Tutti accettano, ma quel semplice gioco si trasforma ben presto nell'occasione per rivelare i loro segreti. Infatti si scopre che Rocco è da tempo sotto analisi, all'oscuro della moglie, analista lei stessa e che quest’ultima ha intenzione di rifarsi il seno. L'intervento sarà eseguito non dal marito, chirurgo plastico, ma da un altro famoso chirurgo. C'è poi ancora Rocco che dispensa consigli alla figlia senza che la moglie lo sappia. Mentre Bianca si sente con il suo ex, all'insaputa del marito, anche se lo fa solo per aiutarlo ad affrontare la complicata relazione con la nuova compagna. Cosimo, oltre ad avere un'amante, rimasta incinta durante il loro ultimo rapporto, ha una relazione con Eva, la moglie di Rocco; Lele ha anche lui un'amante, mentre di Carlotta si viene e a sapere che ha una relazione "online" con un altro uomo e che vuole mettere in una casa di riposo la suocera che abita con lei e il marito. E ancora Carlotta, guidando ubriaca, ha ucciso un uomo, ma del tragico evento si è assunto la responsabilità Lele, in modo da evitare il carcere alla moglie. Infine è rivelata a tutti l'omosessualità di Peppe. 

Il film è tutto concentrato sulla serata, sulle rivelazioni, sulle personalità, sui momenti di contrasto e goliardici e si conclude con un finale che lascia a bocca aperta gli spettatori, perché, quando la serata si conclude, si scopre che il gioco dei cellulari in realtà non ha luogo per l'opposizione di Rocco. La storia raccontata nel film è dunque solo una “possibile realtà”! La serata è stata solo un’ordinaria cena tra amici e ognuno ritorna alle proprie menzogne. Peppe, alle richieste degli amici promette che alla prossima occasione presenterà questa famosa Lucilla che in realtà è un uomo, Lucio; Cosimo scorre i messaggi dell'amante Marika e risponde a un messaggio di Eva che nel frattempo si toglie gli orecchini regalatole da lui; Carlotta indossa gli slip che l'amante virtuale le aveva chiesto di togliersi per gioco e il marito Lele controlla la foto inviata dalla sua amante Isa. 

La vera bellezza di questa produzione geniale sono le aspettative, i preavvisi, la presa di coscienza dei fatti segreti di persone a noi più care. Ognuno ha infatti un segreto da nascondere che viene rivelato quando meno ce lo aspettiamo, ma il vero messaggio del film, che colpisce veramente gli spettatori, è il fatto che nessuno può mai conoscere nessun altro fino in fondo; un compagno la compagna, la moglie il marito, gli amici fra di loro. Tutti riteniamo di avere almeno un amico o un compagno affidabile, che non si potrebbe mai tradire, ma la realtà viene fuori con il tempo e a quel punto capiamo di non conoscere fino in fondo la persona che ci sta accanto. 

Costanza Alberti 

4A Liceo Classico XXV Aprile – Pontedera