QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
domenica 24 settembre 2017

NOSport lunedì 05 giugno 2017 ore 08:53

Ottovolante Italia

La Nazionale italiana "asfalta" il San Marino a Empoli.

EMPOLI — Il campionato è terminato da tre giorni e a Empoli già si è tornati a parlare di calcio. La retrocessione degli Azzurri in Serie B, ancora più inaspettata e scioccante visto l’enorme e apparentemente rassicurante vantaggio di 11 punti che la squadra toscana si era trovata ad avere sul Crotone, ha scosso e deluso profondamente la città e la tifoseria. E mentre l’Empoli FC si interroga su come ripartire al meglio, ripartendo dalla serie cadetta, allo Stadio "Carlo Castellani" mercoledì 31 si è disputato un match di grande prestigio: la Nazionale Italiana di Calcio ha giocato per la prima volta nella città che ha dato i natali al Pontormo. L’avversario non era insuperabile: la selezione nazionale di San Marino è stata la prescelta per affrontare i giocatori che il CT Giampiero Ventura ha convocato per lo stage di Firenze. Tanti debuttanti, niente veterani come Buffon, ma lo spettacolo non è mancato. In un Castellani non gremito gli Azzurri (solo il colore in comune con i giocatori dell’Empoli) hanno dominato, evidenziando bene l’enorme divario che intercorreva tra le due compagini. Certo, c’è da dire che i più forti tra i sammarinesi militano nella Serie D italiana, dunque una vittoria ampia da parte dell’undici di Ventura era più che auspicabile. Tanto che nel pre-partita l’allenatore aveva affermato: “Il problema non è se vinciamo, ma come vinciamo”. Come obiettivi dunque bel gioco e intensità, sicuramente l’ex guida del Torino e del Bari non sarà rimasto deluso. 

Gianluca Lapadula, attaccante del Milan, è stato indubbiamente il migliore in campo. Ha aperto le marcature con un pregevole stacco di testa e ha segnato altre due reti con due morbidi pallonetti a beffare il portiere avversario, sarà sicuramente un valido elemento anche per le prossime uscite. Si sono distinti con una marcatura anche il difensore-bomber dell’Atalanta, ma di proprietà della Juventus, Mattia Caldara, che ha saputo sfruttare un cross del compagno di squadra Andrea Conti (ottima prova anche la sua) su azione d’angolo, l’altro atalantino Andrea Petagna, bravissimo a insaccare una respinta su un tiro-a-giro dello scatenato Lapadula e Matteo Politano del Sassuolo, autore di un meraviglioso "pallonetto" dal vertice sinistro dell’area di rigore. Grande soddisfazione anche per Gian Marco Ferrari, quest’anno tra i migliori nell’eroico Crotone, che ha inzuccato in porta, su azione d’angolo, il gol del raddoppio alla prima apparizione in nazionale maggiore dopo anni trascorsi tra Serie B e Lega Pro. L’ultima marcatura è frutto di un’autorete del difensore sammarinese Bonini su cross basso del debuttante Danilo Cataldi. E il passivo avrebbe potuto raggiungere addirittura la doppia cifra, non fosse stato per tre pregevoli interventi dei giocatori succedutosi a difendere la porta della Repubblica del Monte Titano Benedettini e Simoncini e per l’imprecisione del bomber del Crotone Diego Falcinelli, che ha fallito due buone occasioni nel finale. Certo, c’è da dire che la reazione da parte di San Marino è stata quasi assente: gli Azzurri d'altra parte sono stati bravi a frustrare subito, a centrocampo, le azioni degli avversari, concedendo un solo tiro in porta, tra l’altro innocuo, con un possesso palla irrisorio (24% a fronte del 76% dell’Italia). In generale le sensazioni di questo 8-0 sono state buone per gli Azzurri non solo in vista della prossima amichevole contro l’Uruguay e del match del gruppo di qualificazione ai Mondiali contro il Liechtenstein, ma anche in un'ottica futura, visti gli ottimi segnali dati dai molti giovani convocati da Ventura. Ed è stato anche un ottimo segnale per la città di Empoli, che non vede l’ora di riassaporare la Serie A.

10', 19' e 50' Lapadula, 13' Ferrari, 16' Petagna, 48' Caldara, 58' Politano, 65' aut. Bonini. Foto ANSA (titolo) e DeCarlo.

Lorenzo De Carlo

4A XXV Aprile-Liceo Classico, Pontedera