QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
mercoledì 14 novembre 2018

NOSpettacoli domenica 05 marzo 2017 ore 11:00

La notte più lunga dell’anno

​Premi OSCAR 2017.



LOS ANGELES — Come ogni anno è arrivata l’attesa cerimonia dei Premi Oscar, consegnati dalla prestigiosa Academy of Motion Pictures Arts and Sciences. Questa 89a edizione sarà sicuramente ricordata non solo per le varie sorprese avvenute nelle premiazioni o per i discorsi anti-Trump, ma anche per alcune “gaffes” avvenute nel corso della cerimonia. La serata è stata piacevolmente condotta dal bravo Jimmy Kimmel che ha ironizzato più volte su Trump e si è divertito a prendere in giro anche Matt Damon; la serata è stata movimentata da alcune trovate come piccole mongolfiere piovute sul palco con caramelle e biscotti, o lo scherzo fatto ad alcuni turisti capitati “per caso” nella cerimonia, mentre pensavano di entrare nel museo delle cere! Le esibizioni canore di contorno sono state grandiose, da Justin Timberlake con il tormentone “Can’t Stop The Feeling”, a John Legend con “City Of Star”, passando per Sting e la sua “The Empty Chair”. Le premiazioni sono state tutte più o meno prevedibili anche se per la categoria Miglior Film vi è stata una gaffe, che è diventata un caso mediatico. Era stato da poco annunciato il premio a “La La Land” come miglior film, quando uno dei produttori ha dichiarato che vi era stato un errore con le buste e il film vincente era invece Moonlight. Il colpevole dell’accaduto è stato trovato e licenziato. Per il resto, premi azzeccati: Damien Chazelle, miglior regista per “La La Land”; Casey Affleck, miglior attore protagonista per “Manchester by the sea”; Emma Stone, migliore attrice protagonista per “La La Land”. E ancora Mahershala Ali come miglior attore non protagonista per “Moonlight” e Viola Davis come migliore attrice protagonista per “Barriere”.“Manchester by the sea” è stato premiato anche per la migliore sceneggiatura originale e “Moonlight” anche per la migliore sceneggiatura non originale. Premi tecnici sono andati a “La La Land” per la migliore scenografia e per la migliore fotografia e, inaspettatamente, alla “La battaglia di Hacksaw Ridge” per il miglior montaggio e migliore sonoro. “Arrival”, che è stata premiata per il miglior montaggio sonoro, avrebbe forse meritato anche altri premi e “Zootropolis” è stato premiato come miglior film di animazione: come sempre la Disney non sbaglia mai un colpo!  A sorpresa “Il Libro della Giungla”, film realizzato in computergrafica per il 99%, è stato premiato per i miglior effetti speciali. Purtroppo il documentario italiano Fuocoammare non ottiene l’Oscar, ma ci possiamo consolare con il premio per il miglior trucco che è stato assegnato a Alessandro Bertolazzi e a Giorgio Gregorini per “Suicide Squad”.

Andrea Toni, Anna Malucchi 

4ASI – ITCG E.Fermi – Pontedera