QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
domenica 24 marzo 2019

soNOSolidale venerdì 14 dicembre 2018 ore 16:34

L'UNICEF per i ragazzi italiani in difficoltà

​Al via “NEET Equity”, progetto UNICEF per i NEET/ragazzi che non studiano, non lavorano e non sono inseriti in percorsi di formazione.



NAPOLI, CARBONIA, TARANTO — Secondo un’indagine Eurostat risulta che nel 2017 in Italia il 25,7% di giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni non studiava, non lavorava e non era inserito in percorsi di formazione. Questa situazione è definita in inglese dall’acronimo NEET ((Not in Education, Employment or Training). In realtà è probabile che la situazione sia ancora più grave, in quanto molti giovani possono essere rimasti sommersi e dunque non valutati. In Italia, secondo l’Istat, la percentuale maggiore di giovani NEET si trova in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, Basilicata e Sardegna, nel Meridione insomma. Per far fronte a questa grave situazione l’Unicef lancia in Italia il progetto “Neet Equity”. Il progetto italiano inizierà nelle città di Napoli, Carbonia e prossimamente anche a Taranto per migliorare la capacità del territorio nel costruire politiche attive. In tutte e tre le città selezionate verranno svolte diverse attività: 1) Fase conoscitiva di approfondimento della situazione sui NEET;  2) Creazione di LUP, Laboratori Urbani Partecipati, come spazi di ascolto e di partecipazione in cui saranno coinvolti gli adolescenti, con i quali saranno progettate azioni di volontariato sociale nella città per l’attuazione di azioni concrete;  3) Promozione di spazi di concertazione territoriale per costruire piani efficaci e politiche attive dedicate ai giovani. Alle importanti attività di ricerca e mappatura del fenomeno, l’UNICEF affianca da anni vere e proprie azioni di intervento con l’obiettivo di valorizzare e dare forza alle potenzialità, spesso inespresse, dei giovani in questa situazione. Per questo motivo sono state lanciate la nuova campagna Youth Agenda e la partnership globale Generation Unlimited, con l’ambizioso obiettivo di inserire i giovani di tutto il mondo in percorsi scolastici, formativi o lavorativi entro il 2030. Per saperne di più: www.unicef.it/neetequity.

Giuseppe De Benedittis