QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
sabato 24 agosto 2019

hanNOScritto venerdì 25 gennaio 2019 ore 23:55

​Il primo giornale online della Valdera

A tu per tu con un giornalista di QUInewValdera.it



PONTEDERA — Il primo giornale online della Valdera. Con altri studenti del liceo linguistico "E.Montale" di Pontedera, abbiamo avuto l’occasione di intervistare un giornalista della redazione QUINEWS.it, Alessandro Turini. Nell’incontro il giornalista ci ha descritto alcuni aspetti del suo lavoro fra cui l’utilizzo dei social network, la diffusione delle cosiddette fake news e le modalità seguite per la creazione e pubblicazione di un articolo di un giornale online. Alla richiesta degli studi necessari per diventare giornalista, ci ha dato una risposta che ci ha colpito, dicendoci che l'università non basta per avviarci alla professione del giornalismo, ma che una persona che vuol diventare giornalista deve rimboccarsi le maniche e iniziare a esercitare l'attività, finché piano piano, potrà affermarsi. Gli abbiamo anche domandato quale sia stato il suo curriculum scolastico e la sua risposta ci ha motivati; infatti ci ha risposto che il suo è stato un percorso ordinario e che non è certo un voto scolastico a qualificare una persona e che quindi, è importante credere fermamente in quel che vogliamo fare. 

Intervista a Alessandro Turini. Abbiamo intervistato Alessandro Turini, giornalista di QuiNewsValdera. Tanti aspetti del suo lavoro sono dati per scontati e non si considera che è molto stancante e pieno di responsabilità, poiché comporta di non staccare mai e di essere in costante ricerca di informazioni. Per quale motivo ha scelto questo lavoro? Ci sono mai stati ripensamenti? Fin da piccolo ho sempre voluto fare il giornalista e no, non ho avuto ripensamenti. Ricorda l'articolo di cui si sente maggiormente soddisfatto? Tutti gli articoli dove ho messo impegno. Vi è mai successo di non poter pubblicare un articolo? Sì, quasi ogni giorno, per mancanza di informazioni o per errori. la nostra fortuna è che il giornale quinews è esclusivamente online e di conseguenza è possibile modificarlo o ampliarlo in qualsiasi momento. Ci sono argomenti che preferisce evitare? Come in tutte le professioni anche la nostra ha un codice chiamato “deontologico”, con regole che purtroppo a volte vengono tralasciate da alcuni colleghi, come ad esempio quando, in un evento in cui siano coinvolti dei minorenni. Ha avuto problemi di copyright? Alcune minacce di querela, legate alla cronaca. ad esempio, quest’estate mi è capitato di intervistare il padre separato che aveva denunciato la moglie, ma ben presto si è rivelato essere un soggetto pericoloso, addirittura con dei precedenti. E' consigliabile controllare sempre le nostre fonti! Quali sono i temi maggiormente apprezzati?Politica, cronaca e cronaca nera. La versione di QUInews più letta?Sicuramente Valdera, anche perchè QUInews è stato fondato a Pontedera; in realtà siamo stati tra le prime redazioni ad avere un giornale online. La storicità è fondamentale per la popolarità del sito.Infine alla domanda: Perché si sente dire che la stampa può “uccidere”?Alessandro ha risposto: Molte persone perdono la propria reputazione per colpa di articoli giornalistici, talvolta non veritieri: questi rischiano di rovinare il profilo pubblico della persona in questione. Quando scriviamo un articolo noi giornalisti dobbiamo stare attenti alle parole che utilizziamo per evitare di dare una dimensione impropria alle notizie che si stanno trattando.

Il primo giornale online della Valdera: Serena Modola, Irene Rossi, Felix Manon, Jing Yang

Intervista a Alessandro Turini: Arianna Splendiani, Gaia Cerrai, Vittoria Quaglierini e Elena Iop

Classe 4A, Linguistico, Liceo “E. Montale”, Pontedera, Pisa