QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
lunedì 10 dicembre 2018

diNOSauri sabato 06 gennaio 2018 ore 17:44

​Il Giardino di Mary Shelley

Una piccola nuova oasi dedicata alla lettura.



VICOPISANO — 15 Dicembre 2017. In occasione del 200° anniversario della pubblicazione del romanzo noir “Frankenstein, or the Modern Prometheus”, pubblicato nel 1818, l’amministrazione di Vicopisano ha dedicato un giardino alla scrittrice britannica Mary Shelley che in questa cittadina aveva soggiornato insieme con il marito Percy Bysshe Shelley, come l’autrice ricorda nel suo diario.

Il Giardino di Mary Shelley è nato come luogo di lettura a disposizione degli utenti della biblioteca di Vicopisano, ma è anche a disposizione di chi voglia passare un po’ di tempo in tranquillità. Alla cerimonia di inaugurazione, tenutasi nella biblioteca del paese, erano presenti il vicesindaco Matteo Ferrucci e Daria Palotti, l’autrice della scultura dedicata alla scrittrice. 

Il giardino si trova in via Lante, davanti alla biblioteca, di fianco all’antica Torre dell’Orologio (XII secolo) ed è sovrastato dalla Rocca del Brunelleschi.

Alla base della scultura che rappresenta la Shelley, l’artista ha riportato una citazione tratta dal suo capolavoro: “La vista delle cose belle e maestose della natura ha davvero sempre l'effetto di calmare la mia mente e di farmi dimenticare le preoccupazioni che passano nella vita.”

L’autrice, che era appena diciottenne nel 1816, anno in cui concepì la storia di Frankenstein, è considerata una delle più grandi scrittrici della letteratura britannica. Moglie del poeta romantico Percy Bysshe Shelley, figlia di Mary Wollstonecraft e di William Godwin, la giovane Mary aveva la cultura nel sangue come si può facilmente capire leggendo le sue opere.

E così chi vorrà immergersi in un’atmosfera tranquilla e ideale per leggere, da oggi c’è un nuovo posto dedicato, qui nel giardino di Vicopisano.

Elisa Gini

5 Liceo Scientifico - Istituto XXV Aprile, Pontedera