QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
quinos, Cronaca, Sport, Notizie Locali quinos
sabato 07 dicembre 2019

NOSnews domenica 27 ottobre 2019 ore 16:34

ValoreD

Incontro, a Didacta, con la prima associazione italiana di imprese che promuove la parità di genere e una cultura inclusiva,



FIRENZE — La Fiera Didacta è un’occasione di scambio e innovazione riguardo tutti i campi legati alla scuola e all’apprendimento. E come si può parlare di insegnamento, di istruzione e di futuro se non si discute, fra le altre cose, della parità di genere e delle modalità per fissarne il concetto nelle menti dei bambini? E' su questo argomento che lavora ValoreD, la prima associazione italiana di imprese che promuove la parità di genere e una cultura inclusiva, sviluppando egregiamente il progetto detto “InspirinGirls”. Si tratta di un'attività internazionale che mira a spronare le ragazze a seguire i propri sogni, in ogni settore della vita. Per conseguire questo obiettivo, ValoreD porta nelle scuole medie delle Role Models, cioè donne di successo, volontarie, provenienti da settori e professioni diverse, che condividono con i ragazzi delle scuole medie la propria esperienza professionale e di vita, costruendo un ponte concreto tra scuola e mondo del lavoro.

Il 57% degli insegnanti e il 52% dei genitori ammette di avere degli stereotipi di genere inconsapevoli e già a sei anni i bambini classificano le attività come maschili e femminili. L’80% dei ragazzi immagina il proprio futuro ispirandosi a dei modelli: come si può pensare che le bambine di oggi diventino le scienziate, gli ingegneri, i medici di domani se in troppi casi la donna è presentata solo come moglie, cuoca, tutt’al più insegnante? Le classi possono imparare di più sull’argomento e prenotare un incontro sul sito www.inspiring-girls.it

InspirinGirls è una campagna internazionale che ha l’obiettivo di creare nelle ragazze la consapevolezza del proprio talento, liberandole dagli stereotipi di genere che frenano la loro ambizione. È dovere dei docenti e dei genitori insegnare ai loro studenti e studentesse o figli e figlie che possono aspirare a lavorare in qualunque ambito, dalla tecnologia alla meccanica, dall’educazione all’infermeria. I bambini e le bambine questo lo sanno di già: hanno solo bisogno di un pizzico di coraggio in più, un giudizio in meno, una favola fuori del normale e qualcuno che dica loro:” È possibile”. E ValoreD lo sta dicendo, forte e chiaro.

Elisa Salvadori, 3 E, Liceo Classico Michelangiolo, Firenze.

Governo, Conte: «Per Renzi è a rischio? Lui pessimista cosmico»